BACIO PERUGINA

Concedersi una coccola dolce ogni tanto fa bene! Anche perchè sappiamo che il cioccolato contiene molti antiossidanti e polifenoli, che sono quelle sostanze che aiutano a prevenire il cancro, le patologie legate all’apparato cardiovascolare e contro la formazione dei radicali liberi. Quindi dieta o non dieta concediamoci ogni tanto un piccolo vizio che fa bene alla salute ed al nostro stato d’animo.

Mi piacciono i BACI PERUGINA in particolare per le frasi che si trovano all’interno che qualche volta sono molto vere….

Invecchia insieme a me…il meglio deve ancora venire. G. Sand

L’amore non vede i difetti, l’amicizia li ama. Anonimo

bacioperugina.jpg

CONSERVE

NON SI VIVE DI SOLO PILATES…….AHAHAHAHA

Adoro fare le conserve e marmellate, con prodotti selezionati, biologici, acquistati dai miei contadini di fiducia. Cosa c’è di più bello durante l’inverno di aprire un vasetto di marmellata e sentire il meraviglioso profumo dell’estate. Cucinare nel forno una crostata composta con la marmellata e la pasta frolla fatte in casa……

Queste le etichette che ho prodotto per i miei preziosi vasetti.

conserve.jpg

ROSSO CILIEGIA

ADORABILI….AMATE…..DESIDERATE…..CILIEGIE!!!!!!!!!!!!!!!!

Le ciliegie sono il frutto di un albero della famiglia delle Rosacee, la stessa delle rose.

Il ciliegio è un albero che può arrivare fino a 20 metri di altezza (anche se i coltivatori, per agevolare la raccolta, lo mantengono ad un altezza inferiore) che in primavera si copre di bellissimi fiori bianchi.

La ciliegia viene coltivata in Europa, America, Australia e Asia. L’Italia è produttrice di ciliegie a livello mondiale e le varietà più coltivate sono:


Bigarreau: ciliegie la cui raccolta comincia a meta maggio, fino al principio di giugno


Duroni: sono le ciliegie, rinomate, di Vignola (Modena) dal colore rosso intenso o nero, di grande dimensione, molto dolci, la cui raccolta è fatta nel mese di Giugno


Ferrovia: diffuse in Puglia, hanno una polpa molto succosa e la loro raccolta inizia a Giugno


Marca: queste ciliegie vengono utilizzate per la produzione di conserve come le ciliegie sotto spirito e sciroppate, il loro colore è giallo-rosso


Anella: ciliegie la cui caratteristica è data da una polpa succosa e croccante e da un colore rosso scuro, la possiamo trovare dal mese di giugno

 

Le ciliegie contengono una discreta quantità di vitamina C, ne occorrono circa 500 gr. per soddisfare il fabbisogno giornaliero e sono anche una discreta fonte di potassio. Sono un frutto particolarmente dissetante, soprattutto le varietà più aspre e hanno un indice di sazietà mediamente elevato. Queste caratteristiche, associate al fatto che non si possono mangiare molto in fretta a causa delle piccole dimensioni e del nocciolo, rende le ciliegie molto utili negli spuntini, quando si ha voglia di sgranocchiare qualcosa ma non si possono assumere troppe calorie.

ciliegia.jpg

 

 

cesto_ciliegie.jpg

OLIO DI ARGAN

L’olio di Argan nasce dalla spremitura a freddo dei frutti della pianta di Argania Spinosa  che cresce esclusivamente nel sud del Marocco, è impiegato da millenni dalle donne berbere come elisir di bellezza. Si utilizza questo olio anche in campo cosmetico grazie alle sue proprietà  antiossidanti, emollienti, idratanti, elasticizzanti ed è uno degli oli più importanti per il ringiovanimento cutaneo grazie al suo contenuto di Vitamine E e di diversi acidi grassi essenziali.

Le varietà di Olio di Argan prodotte, che differiscono per la tostatura dei noccioli e per il tipo di uso, sono due: l’olio cosmetico, più chiaro ed usato sulla pelle, sui capelli, per le unghie e per i massaggi e l’olio alimentare, più scuro, dal sapore forte e deciso, adoperato per la cucina quotidiana. L’olio di Argan nonostante sia molto idratante non è grasso e non unge, se usato in modo costante riattiva le funzioni vitali delle cellule, migliora il tono muscolare del viso, attenua la comparsa delle rughe, liscia la pelle, mimetizza le occhiaie e riduce l’irritabilità cutanea.

Questi gli ambiti di applicazione per un uso cosmetico:

PELLE: L’Olio di Argan è uno dei migliori rimedi esistenti contro l’invecchiamento della pelle. La protegge contro gli aggressori esterni (sole, smog, vento, inquinanti vari assorbiti attraverso la cute). Con l’olio di Argan è possibile preparare uno scrub per il corpo aggiungendovi un pò di sale da cucina. Con l’aggiunta di zucchero è invece ottimo per la pelle delle labbra. Dopo la doccia bastano 6 o 7 gocce di olio sulla pelle ancora umida facendola assorbire con un delicato messaggio per rendere la pelle luminosa e morbida. L’olio può essere utilizzato anche per la pelle del seno, massaggiando delicatamente qualche goccia di olio si preserva l’elasticità della pelle, fragile e delicata, del seno.

VISO: Grazie alla considerevole presenza di Vitamina E bastano una goccia al mattino ed una alla sera per combattere efficacemente la formazione di rughe ed ostacolare i processi di invecchiamento cellulare.

CAPELLI: L’olio di Argan è adatto per i capelli fragili, secchi, sfibrati e privi di lucentezza perché dona loro  forza ed idratazione. Per rendere i capelli nutriti e setosi si può scaldare qualche goccia d’olio tra le mani e strofinarlo delicatamente sui capelli ciocca per ciocca. Si deve lasciare in posa per un’ora e poi procedere con il solito lavaggio.

UNGHIE: L’olio di Argan cura le unghie fragili proteggendole contro le aggressioni esterne. E’ sufficiente miscelare l’olio in pari quantità con del succo di limone ed immergere le mani nel composto per almeno 10 minuti. Il trattamento deve essere ripetuto regolarmente una volta alla settimana per circa 2 mesi. In questo modo le unghie e le cuticole avranno un aspetto sano e curato. L’olio si può anche applicare sulle unghie ogni sera prima di coricarsi

MASSAGGI: L’olio di Argan viene usato per i massaggi ed è ottimo come decontratturante muscolare

   

olio-argan.png     olio-argan.jpg

GRANITA AL TAMARINDO

Ieri sera durante la lezione di Pilates per donne morbide, complice il leggero aumento della temperatura e gli esercizi che si stanno facendo un po’ più intensi, alla cara G gli è venuta voglia di GRANITA AL TAMARINDO! Questo prodotto delizioso mi ha ricordato estati assolate, la località S. Prospero di Savigno, la mia bisnonna e la mia mamma che si litigavano la bottiglia di Tamarindo e il freezer che non riusciva a creare ghiaccio a sufficienza. 

La storia della granita è remota, già  Greci e Romani usavano un geniale stratagemma per deliziare e rinfrescare il palato, erano soliti condire la neve con frutti e aromi per ottenere così una rudimentale granita. Gli scavi di Pompei hanno riportato alla luce degli appositi contenitori chiamati thermopolia dove queste granite venivano mantenute fredde.

Inoltre una granita ed in pariticolare quelle fatte con frutta fresca è un ottimo alimento, sano, rinfrescante, leggero, gustoso e poco calorico!

granita cocomero.jpg
granita.gif

SEITAN

Il Seitan è un alimento d’origine vegetale molto usato nella cucina vegetariana in alternativa alla carne per realizzare piatti nutrienti e gustosi. Un ingrediente versatile dall’elevato contenuto proteico ottenuto dalla lavorazione della farina di grano, che si integra bene nell’alimentazione soprattutto vegetariana, totalmente privo di colesterolo e di grassi ed adatto a tutte le diete

Di aspetto simile alla carne, il suo sapore è invece più delicato e la sua consistenza più morbida, anche se spesso quest’ultima varia da un tipo di seitan ad un altro. E’ altamente digeribile e quindi adatto a bambini ed anziani e le calorie sono intorno alle 120 per 100 gr di prodotto, quindi simili a quelle della carne, senza però i grassi saturi e colesterolo di quest’ultima. Anche il livello proteico è elevato, pur se leggermente inferiore a quello della carne. Il seitan può essere cucinato in tantissimi modi e le preparazioni sono molto simili a quelle della carne, con però il vantaggio di essere molto più veloci poiché il seitan è un alimento già cotto.

 

SEITAN.jpg

 

 

AMARANTO

L’amaranto appartiene alla famiglia delle Amarantacee, che comprende più di 500 specie, ed è originario del centro America, dove costituiva un elemento basilare per l’alimentazione delle popolazioni amerinde già 3000 anni fa. Può essere utilizzato per zuppe, crocchette, sformati dolci o salati, barrette energetiche, soffiato, estruso sfarinato. È ottimo se associato ad altri cereali, in particolar modo al frumento ed al farro. Può essere aggiunto, anche solo per le sue proprietà, ad ogni preparazione a base di cereali: da solo può completare una minestra, con il riso rende il piatto più croccante, con il frumento diventa una miscela ricca e nutriente, addolcisce orzo e farro rendendoli meno rustici, mentre con il miglio diventa quasi una crema su cui stendere verdure, o legumi.

Cottura base: dopo il lavaggio in abbondante acqua corrente, cuocete una parte di amaranto in due parti di acqua con un cucchiaino di sale marino integrale. 20 minuti in una pentola a pressione e 40 minuti in una pentola tradizionale. Non mescolatelo e lasciatelo riposare 10 minuti dopo la cottura a pentola coperta, per permettere ai chicchi di gonfiarsi. Potrete insaporirlo con un soffritto di cipolla, affettata sottile, aglio ed utilizzando brodo di carne al posto dell’acqua e condirlo alla fine con sale, pepe e un trito di prezzemolo.

Amaranto.jpg

 

 

ACIDULATO DI UMEBOSHI

L’acidulato di Umeboshi è un popolare condimento della cucina giapponese ottenuto dalla fermentazione delle umeboshi, prugne giapponesi simili alle albicocche, che crescono nelle regioni settentrionali e fredde del Sol Levante.

Queste prugne sono fatte fermentare con sale marino per 7 anni. Il succo che emettono viene usato come condimento e viene chiamato aceto di umeboshi. È un liquido color rosa dal sapore aspro e salato. Ha proprietà benefiche per lo stomaco e per il riequilibro del sangue inacidito.

 

L´aceto di umeboshi viene usato al posto del sale per condire cereali e verdure.

 

Proprietà: stimola il fegato e lo aiuta ad eliminare scorie tossiche –  favorisce la digestione -rinforza l’intestino e lo difende da infezioni – ritarda l’invecchiamento (effetto antiossidante).

 

umeboshi.jpg

 

MIGLIO DECORTICATO

Il miglio, nel passato, ha rappresentato la base dell’alimentazione umana; coltivato in quasi in tutto il mondo, dall’Europa, alla Cina, all’Ucraina, fu nei secoli, soppiantato da mais e riso.
Il miglio è ricchissimo in acido silicico e per questa ragione è un ottimo coadiuvante nella crescita e nel mantenere in salute la pelle, i capelli e le unghie.
Il miglio è naturalmente privo di glutine e perciò indicato sia nel primo svezzamento, sottoforma di fiocchi e farine, sia in particolari condizioni metaboliche come ad esempio il morbo celiaco, in cui il glutine deve essere eliminato dalla dieta.

 

Preparazione:

Mettere il miglio in una pentola ricoperto di acqua. Quando arriva ad ebollizione schiumarlo e proseguire a fuoco basso per circa 20 minuti. A cottura ultimata condire con un po’ di olio d’oliva. Si può usare anche in minestre e minestroni.

 

miglio.gif

GRANO SARACENO

I chicchi, riconoscibili per la loro forma quasi triangolare, sono teneri e croccanti, per cui richiedono pochissima cottura: circa 10/15 minuti in abbondante acqua salata.
Il grano saraceno è un alimento molto equilibrato, ricco in ferro, vitamina B, vitamina E e magnesio, particolarmente adatto alle stagioni fredde data la sua capacità riscaldante, può però essere usato saltuariamente anche in estate per preparare gustose insalate, unendovi verdure fresche, olive ed eventualmente formaggi leggeri.
Il grano saraceno annovera tra le sue proprietà la capacitaà di fornire energia e vigore fisico, cosa che lo rende particolarmente adatto nella convalescenza, nella gestazione, per gli anziani; aiuta ad eliminare dall’organismo i liquidi in eccesso ed ha una notevole azione rivitalizzante.

 

 

 

COTTURA BASE:
Anche il grano saraceno in chicchi ,come gli altri cereali necessita di un accurato lavaggio prima di essere cucinato. E’ consigliabile un lavaggio in acqua fredda più volte fino a che l’acqua non risulti limpida e priva delle scorie che di solito vengono a galla. Si devono poi scolare accuratamente i chicchi e farli tostare nella pentola di cottura per uno o due minuti. Dopo questa operazione si può aggiungere acqua calda salata nella quantità di circa il doppio del volume del cereale. Occorre far cuocere per circa 20 minuti dopo di che potranno essere sia una base per insalate fredde che mescolate a verdure e legumi. La dose per persona e di circa 80 gr.

Valori nutrizionali per 100 gr:  kcal 343, proteine 13.25, grassi 3.4, carboidrati 71.5, fibre 10.

 

grano.jpg